come sopravvivere

L’amore non è bello se non è litigarello. Forse una delle citazioni più scontate con la quale iniziare questo post, in modo assolutamente banale. Ma cosa succede se il “litigarello” non è un semplice un bisticcio di due giovani piccioncini alle prime armi, ma di una coppia sposata, con bimbo e dopo 5 giorni di notti insonni?

Crisi di coppia, come sopravvivere

Vi potete amare quanto volete, potete aver già litigato più volte, anche in modo forte, ma con l’arrivo di un bebè, il litigio, come nei giochi di ruolo, anche lui crescerà di livello e di intensità e renderà le crisi di coppia ancor più folcloristiche. Come spiegarmi meglio.

  • Litigio agli inizi – si discute per una chiamata persa, scatta qualche gelosia, poi un ti amo, un bacio e finisce lì (per l’uomo, il quale magari non sa neanche perché sta litigando, non per la donna, il tutto viene immagazzinato nel lobo del cervello serbo rancore in eterno);
  • Litigio pre matrimonio – si discute sull’organizzazione del matrimonio, chi invitare, chi no, iniziano screzi sulla sala, si passa a musi lunghi che posson durare sette giorni, un mazzo di fiori e passa la paura (ma lei è di Winterfell e il Nord non dimentica)
  • Litigio post matrimonio – uscire con amici o da soli, andar dai parenti o uscire con gli amici, invitare qualcuno a casa oppure no, uno dei due fa molto tardi e l’altra è ancor sveglia ad attenderlo. Mazzo di fiori più variante scatola di cioccolatini e finisce lì (non per lei);
  • Litigio post matrimonio con neonato – dopo magari una settimana difficile sul lavoro, sette giorni con bimbo insonne che sveglia tutto il quartiere, anche una semplice posata fuori posto, potrà scatenare l’inferno. Come sopravvivere con un regalo? Non ci sono regali, se siete maschietti assumete qualcuno che assaggi il primo boccone al posto vostro, perché le donne in questo stato fanno rientrare, trai diversi condimenti, anche l’antigelo.
fotografia, albero di natale, crisi di coppia, natale

I wish you a bloody xmas

Detto questo, perché piazzare una immagine con un alberello di natale che non azzecca un caz un benemerito nulla con tutto quel che ho scritto? La mia colpa è che sono nerd, all’epoca avevo la scimmia per web, per la ps, videogiochi e giochi di ruolo, fotografia e post produzione, tutte cose con le quali vegetare davanti ad uno schermo ed ignorare la vita sociale.

La ps4 è diventata, ad oggi, una console con la quale vedere Il Contadino cerca moglie, giochi di ruolo, internet, non ne parliamo neanche, smettere di fumare, mettersi a dieta. Ma uno fa tutto per immenso amore. Ma il folletto nerd non può essere messo a tacere ed un giorno ti dice di andare su Amazon, sono partite delle offerte su due obiettivi macro. Tu non ne hai ancora uno, devi averlo. Ed è una offerta botta di cu molto valida. Accentuata dal fatto che l’obiettivo in questione è molto valido anche per ritratti e dettagli.

Ma alla fine non abbiamo litigato per questo, per altro, non aggiungo altro perché certe cose vanno trattate privatamente e non perché non ho la più pallida idea di quale sia stata la scintilla.

Dal litigio alla legge marziale

Sta di fatto che dopo due ore di risiko con mia moglie, il bimbo ha osservato questa scena dapprima esterrefatto e poi ha sorriso. Ed è stato lì che io, nella mia infinita saggezza, mi sono detto, ma è il caso di far assistere un bimbo ad un litigio trai suoi genitori? I primi mesi ci sta, tanto non ricorderà un caz cavolo, ma noi abbiam un maschietto, nel caso di una femminuccia, lei ha iniziato a serbare rancore dal primo biberon freddo che le avrete somministrato.

Qui devo ringraziare personalmente mia mamma e pace all’anima sua papà, in quanto non ho mai assistito ad un loro litigio, hanno tenuto così tanto a noi che dopo due anni da quando siam nati io e mia sorella, hanno divorziato.

Ma quando si accumula un bel po’ di stress, quando anche manca lucidità perché sembra di non riposare mai, come sopravvivere a tutto questo? Ritagliarsi un’ora. Non dico al giorno, pure un’ora a settimana, da dedicare a un hobby, una passione. Su questo sono fortunato, perché ho una splendida e fantastica moglie che in questo mi aiuta. Ed è così fantastica che che posso riassumerla in una delle sue citazioni. Le chiedevo di trovarsi un hobby, qualcosa da fare, lasciare il bimbo nelle mie mani e pensare qualche ora a sè. La sua risposta mi ha colmato il cuore di gioia

Sei tu la mia passione, marito mio adorato. Una passione vera e propria, intesa proprio come una croce.

La Strega

Come si fa a non amare una persona simile? Come si può parlare di crisi di coppia con una persona così infinitamente sublime?

Tornando al tema principale (ma qual era?), quando il pargolo cresce, direi di evitare queste forme di alterazione verbale, perché lui cresce ed immagazzina tutto quello che vede e sente di un litigio. Sarebbe poco bello essere richiamati dall’asilo, perché magari l’erede, in un compitino in classe con tema, la tua vita in famiglia, enuncia

Mamma e papà, ieri hanno litigato. Quando litigano bevono sempre tanti succhi di frutta. Quello di mamma ha un frutto tanto strano, jager e qualcosa. Quelli di papà sono concentrati di pere giganti. Lui beve tante Peroni…

5 giorni al Natale, ripercorrendolo con una galleria immagini dove sono state salvate le imprese precedenti con papà, mamma, amici e famiglia.

Natale, auguri, galleria immagini, china

Volersi bene a Natale

La prima cosa che non manca mai, come si vede in foto, è lo spirito natalizio, pervaso da buoni propositi, amore verso il prossimo, affetto e cordialità.

La seconda cosa che porta il Natale è il come sopravvivere.

Ad aperitivi pre vigilia di Natale con gli amici, alla cena della vigilia, quella leggera, dove si mangia preferibilmente solo pesce e finisce puntualmente in tragedia con portate multiple di antipasti, primi e secondi piatti, dolci, tutto all’insegna del cucinare sano e leggero.

Da sempre quella del cucinare sano e leggero è la bandiera di Casa Nilfgaard, quella del papà, un DNA che se continua di questo passo, tra un paio di generazioni, rimetterà in circolo i tirannosauri sul pianeta Terra.

brace, cucinare sano, bombette di carne, spiedini

Qui di fianco giusto un assaggio di quel che, da quarant’anni a questa parte, viene servito quando si va in trasferta dai bisnonni di Palese, un dosato e sobrio pranzo di Natale a base di carne alla brace. Agnello, bombette, salsiccia, zampina, costatine, bistecca di Mammut, a tavola si trova un po’ di tutto.

Altra cosa immancabile del Natale, è il bello di radunarsi, stare in famiglia e mettere a mani su quelle che saranno decorazioni per albero e presepe. Qui papà Duca non vede l’ora di liberare il suo estro e la sua fantasia per dare vita a dei piccoli capolavori natalizi.

Il tutto in modo impeccabile e sobrio.

Con eleganza papà Duca incrocia spirito natalizio, basfemo, porno e nerd dando vita ad alberi e presepi costellati a riferimenti su Mass Effect, Dragon Age, Skyrim e The Witcher. Trova anche qualche spazio per l’hard con la posa assai discutibile delle pecorelle.

Un’arte che ogni anno fa puntualmente incazz inalberare nonna Nietta.

regali originali, birre, vino, film

Per non parlare poi di regali originali. Sia da fare che da ricevere, specie se si fanno tra amici. Tutti ci rivolgiamo ad Amazon, o ai negozietti e bancarelle a basso costo, ma soprattutto dalle enoteche.

Luoghi dove ormai papà difficilmente mette piede, causa status matrimonio con bimbo e cane da portare fuori.

Come finirà quello di quest’anno? Per il quarantesimo anno consecutivo papà passerà il 27 seduto nel bagno? O riuscirà a contenersi e a comportarsi da adulto sposato con figlio?

Smettere di fumare. Come sopravvivere

Muse e tritoni: L’omicidio plurimo

Cosa hanno in comune Jack lo squartatore, Erzsebet “La Contessa Sanguinaria” Bathory e i più grandi serial killer della storia dell’umanità? Erano persone per bene, poi un giorno hanno deciso di smettere di fumare. Anziché focalizzarsi sul come sopravvivere all’assenza di tabacco, si sono concentrati sul come sterminare il genere umano.

Quando uno arriva a 40’anni, ormai ha un suo stile di vita, dei suoi binari, specie l’essere umano di sesso maschile, diventa abitudinario forse all’età di sei anni. Le donne no. Sia mai dovessimo annoiarci in questo mondo. Loro sono splendidamente variabili. Le mogli divinamente variabili. Le streghe strepitosamente e immensamente variabili. Queste ultime, siccome amano variare, obbligano anche il partner a farlo.

A fin di bene, perché il fumo fa male, sono soldi spesi per uccidersi ed anche perché in una dimora priva di balconi e dagli spazi piccoli, non puoi decisamente affumicare strega e delfino al seguito.

sigaretta elettronica, dea, velvet, cuba, smettere di fumare, come sopravvivere, tutorial

Dal tabacco ai processori

Smettere di fumare è una parola grossa, ho deciso di passare a quella elettronica. Seguendo il gioco delle proporzioni di Versgunther. Più si diminuisce il tabacco 13, 9, 4 a breve proverò l’1, più aumenta la taglia, non del pisello ma del girovita, 48, 50, XXXXXL.

Ma chiedendo in giro a tanti amici che hanno smesso, o ci hanno provato, non ho riscontrato sintomatologie legate solo al cibo.

Mi sono detto, oggi smetto. Dopo due ore sono uscito dall’ufficio, per strada, iniziando a pronunciare queste parole. Wendy! Cappuccetto rosso! Lupo Cattivo è arrivato! E non avendo le sigarette, ho iniziato a cercare un’ascia.

Le parole di zio Deg.

Da quando ho smesso di fumare sto meglio. Mi sento euforicamente omicida.

Le parole di zia Ele.

E non nascondo che anche io, quando ad esempio sto qui al portatile e sento la soave voce di mia moglie intonarmi di dare un’occhiata al bimbo, togliere il bucato, portare giù il cane e fare tutte e tre le cose simultaneamente, inizio a sentire i Teletubbies che vociferano Abbracciammaziamolitutti!

Non è che si possa definire un tutorial, alla fine, non ho consigli, soluzioni o qualcosa per scrivere una pietra miliare che possa aiutare i fumatori a smettere. La forza di volontà, così dicono. La mia è prossima allo zero.

L’unica cosa che posso scrivere è che se decidete di smettere di fumare perché avete fatto la stronzata di ingravidare la vostra compagna avete appreso della lieta novella, della cosa più bella del mondo e diventerete papà, smettete da subito, da quel giorno. Non fate l’errore di dirvi Appena nasce, smetto! Per mio figlio! Per la gloria! A meno che anche voi non vogliate iniziare a sentire le voce degli amici Teletubbies.

teletubbies, killers, tutorial, come sopravvivere

Ehy tu! Ciao! Giochiamo ad abbracciammazziamolitutti?

E riguardo le sigarette elettroniche, non fanno male. Ma magari sbaglio e tra un paio d’anni sentiremo di una donna che dà alla luce un bimbo, due chili di tabacco, una boccetta con fragranze di vaniglia e un banco da 8 giga di ram.

Come sopravvivere al sesso in gravidanza.

Prima che vi facciate illusioni, ed anche per rassicurare la Strega, in questo articolo ci sarà ben poco di porno, ma scriverò, appunto, di sesso in gravidanza e, soprattutto, di una grande citazione che sovente riporto

Attento a quel che desideri, perché potresti ottenerlo.

carmen luvana, come sopravvivere, gravidanza, tutorial

Belli i film della Disney

Da ragazzi tutti i maschi, nerd inclusi, sognano di aver la ragazza da favola, una Cenerentola versione Disney Maiala con tanto di corpetti, calze a rete, tacchi a spillo, una panterona del sesso magari e con orientamento nord sud ovest est bisex e che voglia coinvolgere anche le sorellastre e la matrigna.

La rivoluzione sessuale è stata inesorabile e progressiva nel giro di pochi anni, non so cosa accadrà durante l’adolescenza di mio figlio, ma qui per ora non scrivo nulla vista la gelosia che cova la mamma e l’erede ancora deve nascere. Segue un breve estratto dove Rina (famiglia lato strega, grado madre) cerca di far capire alla figlia che un bambino dev’essere lasciato libero di crescere e seguente risposta docile e pacata della Strega

Ma che cazzo vuoi capirne mamma, per favore, non mi contraddire. Tu hai cresciuto due bambine, il maschio è diverso. Il maschietto è un povero cucciolo innocente ed è solo mio.

Detto questo e ritornando alla citazione iniziale, quando la vostra metà vi comunicherà che aspetterà un bebè, voi otterrete quel che più desideravate. E non vi piacerà. Perché sarà tanto. Sarà davvero tanto. E arriverete al punto che vi chiederete solo una cosa: come sopravvivere. Le soluzioni sono due. Una è proprio antica, viene applicata dai tempi di Giulio Cesare e consiste in un tutorial semplice, semplice.

Amore, ma è una notizia bellissima. Scendo a comprare le sigarette.

E non tornate più. Fine.

Ma non lo farete, perché voi siete abbindolati dalla tematica sesso e dal volervi dire “Non accadrà a me, sono il nuovo Siffredi io”.

Nuove tragiche posizioni: La vipera e la montagna

Ed eccoci al secondo scenario. Esterefatto da questo capovolgimento di fronte, niente più sere a letto e parole tipo “No, ho il mal di testa, non mi va” ma anzi “Spogliati e fai il tuo dovere”. E un nuovo mondo che si apriva, nuove posizioni come la garibaldina, il 4 barrato, la tigre e il dragone, la vipera e la montagna, no, non devo piangere, devo essere forte, un bravo ometto.

la vipera e la montagna, trono di spade, oberyn martell

Il mio trono di spade finisce qui

Ma perché Martin mi hai fatto questo? Ma anche HBO, la mia Vipera, potevate cambiare il finale del duello e incentrare il trono si spade solo su Oberyn Martell. E invece no.

Riprendiamo quest’altra tragedia di tutorial. Un tutorial implica una soluzione e qui, una soluzione, non ci sta. Il vostro eroico status di maschio latino durerà un giorno, poi avrete bisogno di zabaione, almeno sei uova al giorno, pillole blu manco fossero tic tac e ghiaccio, tantissimo ghiaccio, perché farà male.

Non sto a fare nomi, non voglio ingigantire i fatti, ma una volta un mio amico mi scrisse in privato, tramite whatsapp

Ronny, senti, perdona la domanda molto intima, ma tu come te la stai cavando a letto con tua moglie? Io non ce la faccio più, credimi sono arrivato a inginocchiarmi e piangere ma lei voleva mettermi il collare ed ora mi sta rincorrendo per tutta casa. Mi sono chiuso in bagno. Che faccio esco tra sei mesi?

 

 

 

Come sopravvivere agli sbalzi

Ma quanto la faccio tragica. Uno sbalzo è una cosa leggera, che conseguenze potrebbe mai avere. Ed anche io la pensavo così quando il ginecologo disse

La gravidanza è agli inizi, procede tutto bene. Più in là ci potrebbe esser qualche problema legato all’umore, ma nulla di che.

Maledetto bastardo mi hai solato 150 euro per rassicurarmi con le tue stronzate Non andò propriamente così. Passarono solo tre giorni dalla visita e mia moglie, splendida ed osannata Strega, era al primo mese. Eravamo andati a lavoro insieme, avevamo finito insieme ed eravamo tornati con il bus insieme. Una volta scesi, la dolce Strega chiese docilmente “Amore, puoi far il numero di tua mamma così la sentiamo?” il tempo di annuire e di prendere il cellulare e il suo tono iniziò a mutare, più arcigna e seccata riprese voce con le seguenti amorevoli parole “Sempre con gli occhi a sto cazzo di cellulare, quanto mi fai girare le palle rivolti al display del telefonino, che seccatura”.

Feci finta di nulla, magari una giornata storta al lavoro. Poteva dipendere da quello. Capita a tutti. Una volta a casa, il cattivo umore passerà.

Manco fosse il trono di spade

Arrivò la telefonata di amici, per andare a mangiare un po’ di sushi. Dissi di no, causa strega in gravidanza il pesce crudo non è che sia consigliatissimo nella dieta. Tranquillo mi voltai verso mia moglie. Una valle di lacrime. “Il bimbo non è ancora nato e tu stai rinunciando al sushi per noi. Prima ti ho anche rimproverato, sono un mostro, non ti merito, ti sto rovinando la vita” e dalle 20.10 sino alle 02.15 ho dovuto consolarla cercando di farle capire che non fosse successo nulla di grave. In queste ore sono ritornato con la testa alle parole del ginecologo e ho realizzato che sarebbe iniziata una vita a tre. Nulla di tipo orgiastico. Mamma, papà e bebè, no, neanche questo. Ma che la mia convivenza non fosse più solo con la strega ma avrei avuto a che fare anche con Cersei Lannister, Daenerys Targaryen e Sansa Stark, proprio il meglio del meglio del trono di spade.

Questa è stata la mia gioiosa reazione.

jaime lannister, fun, trono di spade

Ma che sta succedendo…

Proprio come Jaime Lannister, la povera vittima sacrificale della Regina dei Cambi Umore, sua sorella Cersei.

Non potendo contattare nessuno di HBO, Martin o chiunque altro del cast del trono di spade, chiesi consigli al buon cugino Giancula Gianluca, perché sulla famiglia puoi sempre contare.

Con Elodie mi è capitato una volta. Andavo di fretta, ero a casa ed in ritardo clamoroso in ufficio. Lei stava versando del caffè. Ronny credimi, era caduta solo una goccia a terra. Una goccetta piccola. Piange. Inizia a urlare piangendo di essere una stupida, che non sa fare nulla. Poi si dà della fallita e stupida. Inizia a prendersi a schiaffi da sola e corre di sopra. Così chiamo in ufficio. Ovviamente non potevo dire che non andavo perché mia moglie si era completamente rincoglionita aveva perso il senno. Dissi solo che avevo la febbre. Ci vollero tre giorni per calmarla.

Mi resi conto che spesso, le donne, devono affrontare non solo questa situazione in gravidanza ma a volte anche la mancanza di tatto dei rispettivi mariti.

Mi convinsi a cercare i lati positivi, neanche una nausea o cose più gravi, quindi, alla fin dei conti, il cambio umore, 9 mesi di sbalzi di umore e di ti prego scusami e vaffanculo muori fai attenzione mi stai facendo arrabbiare, potevano essere cose piacevolmente sopportabili.

gif, trono di spade, cambio umore, drogon

Torna a casa amore. Ti aspetto.

Certo, come no.

 

 

 

Non è sempre rosa e fiori la vita con la Strega. Come in ogni coppia. Ci sono momenti dove lei è felice ed altri in cui alberga nel suo cuore la follia omicida. Come sopravvivere a un semplice bisticcio trasformato, di colpo, in una guerra tra Nilfgaard e Temeria? Read Full Article