fotografia

Il titolo prende spunto da una puntata del trono di spade, La Vipera e La Montagna. E con oggi passano due anni dal giorno della Promessa di matrimonio.

In questa galleria immagini ho inserito i momenti al comune e quelli insieme fuori a festeggiare. Con tanto di amici, famiglia e parenti.

Una fotografia, un ritratto in famiglia, una foto per scopi scientifici. Dottori, medici, psicologi spesso parlano, consigliano, su cosa fare e cosa non fare con un bambino. Dai primi giorni, a qualche anno, ci sono sempre tante domande e tante utili risposte. Ma alle volte, qualcuno, domanda e risposta non le calcola neanche.

I dottori contro le nonne

Dottori, medici, psicologi, fanno causa comune riguardo il pianto del bambino, pronunciandosi, grosso modo, con queste parole

Quando piange, il bambino, non va subito preso in braccio, altrimenti si corre il rischio di abituarlo, di viziarlo. Va fatto piangere. Eccezione dei primi mesi nei quali, il piccolo angelo, è troppo piccolo per poter capire questa cosa.

Sono parole di esperti e le parole degli esperti, per le nonne, sono acqua di rosa, contano quanto il due di coppe nella briscola a bastoni.

Però su una cosa concordano con i dottori, il bimbo è troppo piccolo e non può capire queste cose.

Così ho intitolato questa fotografia “Non li ascoltare i dottori”. Un ritratto di famiglia con Nonna Nietta ed il piccolo Arj, dove quest’ultimo sembra parlare con gli occhi.

fotografia, ritratto, nonne, nipoti, arj, nonna nietta, in braccio

Tranquilla nonna, sono un angioletto, sono ancora piccolino per capire certe cose. Però tu, nel dubbio, tienimi tra le tue braccia, sennò poi a tredici anni mi drogo.

40, un compleanno speciale, un evento speciale, per una persona speciale. Zio Manuel è un vero coglio davvero speciale, per questo oggi ricorro ad una fotografia per festeggiarlo, perché arrivare a 40’anni è una impresa che merita una vera festa.

40, come organizzare un compleanno

Partiamo dal compleanno di Manuel. La sua compagna, Angelique, ha deciso di fargli una sorpresa. Loro vivono in Germania, perché l’Italia ed altre 38 nazioni europee schifavano troppo Manuel. Fortuna è intervenuta la bella francese nella sua vita, la quale è riuscita nella titanica impresa di dare a Manuelita Manuel almeno una terra dove poter lavorare e metter su famiglia.

Tramite uozzap ci ha chiesto di inviare materiale video e fotografia di repertorio. Il video non lo metto perché:

  1. occupa troppo spazio;
  2. verrei bannato da wordpress e qualsiasi forma di social network esistente.

Per la fotografia ne ho trovate una cinquantina, anche in questo caso valgono i due punti precedenti ed ho scelto una decente. Classica fotografia di gruppo, di quelle sobrie, con gli amici.

fotografia, amici, manuel, compleanno, pecora nera, cassano delle murge

Foto di gruppo inquietanti, come realizzarle.

Angelique ha realizzato un video fantastico, lei ci sa fare con questi programmi, io se dovessi mettere mani e imparare ad usare anche After Effects finirei ai domiciliari. E poi ho già creato blog scadenti sulla fotografia, voglio risparmiare al genere umano anche l’onta dei video.

Zio Manuel ovviamente si è commosso ringraziando tutti. Ma forse si è commosso ancor più perché la sua compagna non gli ha organizzato una festa a sorpresa, ma una festa patronale di 3 giorni dove si presentavano persone e si ubriacavano.

Il compleanno speciale di papà

Agli amici le fortune, a me le gioie immense che ti lasciano senza parole. Amici, famiglia ed anche tu, figlio mio, resterai senza parole perché non ti scriverò dei miei quarant’anni ma ti metterò una sola e semplice fotografia per vedere cosa ha organizzato, di veramente indimenticabile, la tua mamma.

20180408-amici-matrimonio-compleanno-duca-strega-40

E ha fatto tutto senza farmi sapere nulla…

Morale della favola: Quando tua mamma ti dirà di avere una sorpresa per te, tu, figlio mio adorato, armati di passaporto falso e scappa in Guatemala.

Una persona che regala sempre emozioni senza mezze misure. Definirla semplicemente bionda, sarebbe riduttivo. Ricorda molto Zeman e il suo Foggia, capace di regalarti vittorie da 6 a 0 e la domenica seguente perdere per 8 a 2. Con una cosa in comune, vincere o perdere poco importava, comunque non restavi mai annoiato.

La Bionda Stratega

La celebro nel giorno del suo N compleanno, con una fotografia fatta alla seconda casa di mamma e papà, ossia alla pizzeria Al Semaforo, con la tua mamma visibilmente con la pancia (per colpa tua o perché aveva appena finito di mangiare la Pizza Rammstein?).

fotografia, strega, amici, bionda, ritratti

Jem e le Holograms

Con la Bionda non ci si annoia mai, grazie al suo carattere fortemente improntato al dialogo ed alla diplomazia. Papa Francesco, dopo cinque minuti con lei, potrebbe diventare anche il meglio scaricatore di porto in circolazione perché, diciamocela tutta, la tua zia Bionda sarebbe in grado di far incazzare a morte inalberare anche il Dalai Lama.

Una delle sue ultime peripezie l’ha fatta una decina di giorni fa.

Da Bari è partita in direzione Perugia, per incontrare il suo compagno, Il Biondo (che nomi originali) e, nonostante scioperi in vista ma soprattutto il mal tempo, lei ha comunque sostenuto il

Ho preso le dovute precauzioni, ho chiamato i vari servizi per il trasporto e parto sicura, alla faccia vostra! Voi lavorate e io vado a farmi trascorrere ore indimenticabili con il mio amato!

Un fiocco di neve e tutto il Sud Italia è stato praticamente paralizzato. Già quando uno qui sputa per terra, si allaga tutta la tangenziale, figurarsi cosa può provocare una nevicata.

Come volevasi dimostrare la zia Bionda ha iniziato a sparare le migliori bestemmie decantare in modo colorito i diversi disagi che stava incontrando. Praticamente col treno avrà fatto sì e no 500 metri per poi restare bloccata otto ore.

Come sia finita la sua avventura, non è dato saperlo, e sinceramente nessuno ha il coraggio di chiederglielo vista la sua scarsa pazienza.

Ma noi le vogliamo bene, perché ha due cosce ed un culo è una donna meravigliosa, sarà tra qualche anno la tua milf – insegnante e quindi mi raccomando, tu molestala ai fianchi che papà ci prova per altre zone.

Questo mondo è duro, faticoso, non si vive ma si sopravvive e alle volte, anche con due lavori, il gioco si fa duro. Aggiungiamo poi moglie e piccolo erede. Il secondo lavoro, quello del microstock, pesa di meno, perché legato alla fotografia e, quindi, a una passione. Il primo mese è andato e questo articolo descrive un piccolo resoconto, sul come iniziare, cosa fare e come procede.

Microstock, iscrizioni ed esami

Si ritorna a scuola, la prima sensazione è stata questa col microstock, visto che alcune agenzie chiedono una prova per poter diventare contributor.

Ma a voi, di tutto questo, non ve ne frega un caz vi importa molto, perché magari siete come me e appena avete letto del microstock, del vendere foto e roba varia, avrete pensato subito a

Sì certo. Ma si guadagna bene? Divento milionario vendendo una foto del compleanno della zia Eugalda ormai centenaria e scattata con un cesso di cellulare che neanche al mercato delle pezze al culo sedere acquisterebbero?

No, purtroppo ce la prendiamo al limone. Ho iniziato, con oggi, da un mese esatto e posso dirti, soprattutto a te, mia dolcissima moglie che stai leggendo con occhi accesi e speranzosi, che questo mese non abbiamo ricevuto un bel nulla! Però una quarantina di foto le hanno accettate. E ci siete anche tu e il bimbo!

Vendere fotografie col microstock

microstock, shutterstock, tazzine per caffè, fotografia

Un esempio di immagine accettata

Come ho scoperto il microstock? Proprio così, andando su google e digitando queste due parole, vendere fotografie. Il sito che più ho letto è stato quello di fotoguadagnare, di Paolo Gallo. Ho provato a scrivere per avere alcune delucidazioni e mi ha anche risposto! Quindi se passate di lì per dare un’occhiata e trovare qualcuno pronto a fornire aiuto dubito resterete delusi.

Altri due siti salvati nei segnalibri sono Marcorstock e Stockfootage, anche questi molto utili alla causa se si vuole coominciare e si ha bisogno di delucidazioni.

Iscrizioni, moduli e tasse

Questa parte mi terrorizzava, perché io di tasse non ci capisco veramente nulla, ma proprio zero così anche come di inviare documenti, dati sensibili, insomma la mia ansia non ha fatto altro che rincuorarmi con frasi tipo

Finirai in galera. Sei un idiota. Vendarai una foto a dieci centesimi ed Equitalia di manderà una fattura di 20milioni di euro per evasione!

Riguardo i documenti, basta fare una fotocopia, salvarla su pc e passa la paura. Per quanto riguarda tasse ed altro, basta solo, all’inizio, compilare il modulo W-8 Ben. Ce l’ho fatta anche io. Ed ora sono qui a scrivervi comodamente su un letto, dietro le sbarre.

Scherzi a parte, non sono finito in gattabuia ma va anche scritto che i miei guadagni sono stati zero, quindi più in là cercherò di capire cosa va fatto. Partita iva, chiedere a un commercialista, barricarmi dentro casa e munirmi di trabucco per affrontare finanza e polizia, vi aggiornerò.

Esami, conclusioni e strumenti di guerra per la fotografia

Tornando alla fotografia, per inviare delle foto devi avere una macchina fotografica. O un cellulare. Ma davvero? Certo che do delle dritte veramente da Illuminato della Fotografia Microstock.

Attualmente ho una Canon EOS 700D, uso prevalentemente un pancake (non quello americano che si mangia a tonnellate con lo sciroppo d’acero) 24mm e un tuttofare EFS 18-135mm IS ma il mio preferito resta l’ultimo arrivato, il Macro EFS 60mm f2.8 USM, in questo caso adoperando un treppiede Manfrotto modello non ne ho idea con testa sferica modello non ne ho la più pallida idea.

Con questo armamentario, questo mese, è andato così

Fotolia (o Adobe Stock è la stessa cosa): esame passato e una quarantina di foto inviate, ma sull’esame non so se si faccia davvero o è necessario, perché quando ho inviato le prime foto, quel giorno, stavo un po’ a ciuccio, avere un bebè ti responsabilizza e ti mette voglia di alcolizzarti ogni notte;

Shutterstock: esame sul filo del rasoio, dieci foto e dieci bocciature ma poi una foto è stata ritenuta idonea e mi hanno preso! Sulla scia dell’entusiasmo, invio 10 altre foto e passano tutte, ne mando 26 e passano 25! Ne mando 50 e ne passano 4! Quindi devo ancor capire un po’ i criteri. Il mese prossimo ne riparliamo;

Depositphotos: clamorosa bocciatura ma potrò riprovare tra quindici giorni;

Colourbox: non ti azzardare mai più a mandarci foto, stiamo bene senza di te;

123RF: nessun esame, una dozzina di foto mandate e tutte accettate!

Dreamstime: qui andiamo con una media del 70% di foto accettate, al momento.

Vendite: zero

Il prossimo mese scriverò di un altro aspetto fondamentale, l’inserimento di titolo, metadati e tag delle foto, non lo faccio questo mese perché non l’ho ancora capito bene!

Se continuo così i miei primi dieci centesimi li farò tra cinque anni! Per questo motivo ho inserito tre link di siti affidabili perché, se capita qualcuno veramente interessato, almeno sa dove andar a cercare qualcosa di valido!

 

Arriva un giorno importante, i tre mesi del tuo bimbo. Un giorno importante per madre, nonne, zie, ma lo è stato anche per un padre, attaccato come vegetale al pc sulla scelta di un obiettivo macro, fatta anche non in modo lucido. Perché la coppia era reduce da una 96 ore senza dormire e piena di forti emozioni per via del piccolo cucciolo. Una fotografia come testimonianza sull’amore di una madre. Read Full Article

Il bello di vivere insieme, di stare tutti insieme eppure, alle volte, essere esclusa. Una fotografia sull’indifferenza, sul ricercare attenzioni, richiamare l’interesse delle persone, per non sentirsi sole. Un ritratto di pointer per risaltare la loro espressività mentecante, specie quando si tratta di richiamare l’attenzione del padrone per ricevere dolci alimenti in cambio. Read Full Article

Glamour. Una fotografia per essere fashion. Un modello kitch che faccia drink o scegliere una modella Swirl che faccia bitch. Un modello, una modella, quel che conta è che la fotografia possa bucare lo schermo. Possa essere alla moda. Possa essere in voga. Possa creare un nuovo genere, come il fashion drunk.

Zio Vito, l’illuminato

Una fotografia per raggiungere lo scopo glamour. Un modello come cavaliere per questa battaglia, per questo momento di pura elevazione mistica, per toccare il divino, col vino. Zio Vito, in tutto il suo splendore fashion. Lui è bello come un modello, very very bello e very very fashion, ma in questa foto l’autore non vuol far emergere il solito volto maschile del bello e dannato, ma il riccio del bello e ubriaco.

Una serata andata a male con gli amici? No, una semplice cena di famiglia. L’autore, il Magnifico, il Sommo Fotografo, ossia io, ha voluto riprendere il momento in cui Tony Adams, autore del CAPOLAVORO LETTERARIO “La mia Vita nell’Alcool”, è entrato nel corpo di zio Vito.

Il giorno dell'Annuncio

Il dramma di un uomo senza più la sua bottiglia di vino, il quale decide di cercarlo alla fonte, nel grappolo d’uva. Ci fosse stato un vigneto fuori casa, il fotografo lo avrebbe immortalato mentre mordicchia la corteccia degli alberi, in un disperato tentativo di vino.

Citazioni al Vino

Ma questo momento di altissima fotografia, ha portato anche un ancor più elevato picco creativo e saggio nell’ambito delle citazioni. Perché il vino è il veicolo più importante che porta alla catartica disgiunzione dal piano terrestre a quello celestiale.

  • Vito, hai trovato un lavoro?
  • Vito, hai preparato la laurea?
  • Vito, ma tu e Mikol, quando vi sposate?
  • Vito, ma state pensando a un bambino?

E dopo una raffica di un altro centinaio di queste domande, zio Vito il sommo decide di sfornare una delle citazioni in famiglia uniche, memorabili, intense

Ma tra dieci cugini che stanno in questa stanza, tutti a me dovete cagar il caz voi tutti dovete porre alla mia singola persona queste domande? Ora bevo.

Zio Vito

E ha illuminato la serata, anche da seduto. Restando sempre fashion drunk inside fedele alla causa. Liberando il Tony Adams che c’è in ognuno di noi.