gravidanza

Come sopravvivere al sesso in gravidanza.

Prima che vi facciate illusioni, ed anche per rassicurare la Strega, in questo articolo ci sarà ben poco di porno, ma scriverò, appunto, di sesso in gravidanza e, soprattutto, di una grande citazione che sovente riporto

Attento a quel che desideri, perché potresti ottenerlo.

carmen luvana, come sopravvivere, gravidanza, tutorial

Belli i film della Disney

Da ragazzi tutti i maschi, nerd inclusi, sognano di aver la ragazza da favola, una Cenerentola versione Disney Maiala con tanto di corpetti, calze a rete, tacchi a spillo, una panterona del sesso magari e con orientamento nord sud ovest est bisex e che voglia coinvolgere anche le sorellastre e la matrigna.

La rivoluzione sessuale è stata inesorabile e progressiva nel giro di pochi anni, non so cosa accadrà durante l’adolescenza di mio figlio, ma qui per ora non scrivo nulla vista la gelosia che cova la mamma e l’erede ancora deve nascere. Segue un breve estratto dove Rina (famiglia lato strega, grado madre) cerca di far capire alla figlia che un bambino dev’essere lasciato libero di crescere e seguente risposta docile e pacata della Strega

Ma che cazzo vuoi capirne mamma, per favore, non mi contraddire. Tu hai cresciuto due bambine, il maschio è diverso. Il maschietto è un povero cucciolo innocente ed è solo mio.

Detto questo e ritornando alla citazione iniziale, quando la vostra metà vi comunicherà che aspetterà un bebè, voi otterrete quel che più desideravate. E non vi piacerà. Perché sarà tanto. Sarà davvero tanto. E arriverete al punto che vi chiederete solo una cosa: come sopravvivere. Le soluzioni sono due. Una è proprio antica, viene applicata dai tempi di Giulio Cesare e consiste in un tutorial semplice, semplice.

Amore, ma è una notizia bellissima. Scendo a comprare le sigarette.

E non tornate più. Fine.

Ma non lo farete, perché voi siete abbindolati dalla tematica sesso e dal volervi dire “Non accadrà a me, sono il nuovo Siffredi io”.

Nuove tragiche posizioni: La vipera e la montagna

Ed eccoci al secondo scenario. Esterefatto da questo capovolgimento di fronte, niente più sere a letto e parole tipo “No, ho il mal di testa, non mi va” ma anzi “Spogliati e fai il tuo dovere”. E un nuovo mondo che si apriva, nuove posizioni come la garibaldina, il 4 barrato, la tigre e il dragone, la vipera e la montagna, no, non devo piangere, devo essere forte, un bravo ometto.

la vipera e la montagna, trono di spade, oberyn martell

Il mio trono di spade finisce qui

Ma perché Martin mi hai fatto questo? Ma anche HBO, la mia Vipera, potevate cambiare il finale del duello e incentrare il trono si spade solo su Oberyn Martell. E invece no.

Riprendiamo quest’altra tragedia di tutorial. Un tutorial implica una soluzione e qui, una soluzione, non ci sta. Il vostro eroico status di maschio latino durerà un giorno, poi avrete bisogno di zabaione, almeno sei uova al giorno, pillole blu manco fossero tic tac e ghiaccio, tantissimo ghiaccio, perché farà male.

Non sto a fare nomi, non voglio ingigantire i fatti, ma una volta un mio amico mi scrisse in privato, tramite whatsapp

Ronny, senti, perdona la domanda molto intima, ma tu come te la stai cavando a letto con tua moglie? Io non ce la faccio più, credimi sono arrivato a inginocchiarmi e piangere ma lei voleva mettermi il collare ed ora mi sta rincorrendo per tutta casa. Mi sono chiuso in bagno. Che faccio esco tra sei mesi?

 

 

 

Come sopravvivere agli sbalzi

Ma quanto la faccio tragica. Uno sbalzo è una cosa leggera, che conseguenze potrebbe mai avere. Ed anche io la pensavo così quando il ginecologo disse

La gravidanza è agli inizi, procede tutto bene. Più in là ci potrebbe esser qualche problema legato all’umore, ma nulla di che.

Maledetto bastardo mi hai solato 150 euro per rassicurarmi con le tue stronzate Non andò propriamente così. Passarono solo tre giorni dalla visita e mia moglie, splendida ed osannata Strega, era al primo mese. Eravamo andati a lavoro insieme, avevamo finito insieme ed eravamo tornati con il bus insieme. Una volta scesi, la dolce Strega chiese docilmente “Amore, puoi far il numero di tua mamma così la sentiamo?” il tempo di annuire e di prendere il cellulare e il suo tono iniziò a mutare, più arcigna e seccata riprese voce con le seguenti amorevoli parole “Sempre con gli occhi a sto cazzo di cellulare, quanto mi fai girare le palle rivolti al display del telefonino, che seccatura”.

Feci finta di nulla, magari una giornata storta al lavoro. Poteva dipendere da quello. Capita a tutti. Una volta a casa, il cattivo umore passerà.

Manco fosse il trono di spade

Arrivò la telefonata di amici, per andare a mangiare un po’ di sushi. Dissi di no, causa strega in gravidanza il pesce crudo non è che sia consigliatissimo nella dieta. Tranquillo mi voltai verso mia moglie. Una valle di lacrime. “Il bimbo non è ancora nato e tu stai rinunciando al sushi per noi. Prima ti ho anche rimproverato, sono un mostro, non ti merito, ti sto rovinando la vita” e dalle 20.10 sino alle 02.15 ho dovuto consolarla cercando di farle capire che non fosse successo nulla di grave. In queste ore sono ritornato con la testa alle parole del ginecologo e ho realizzato che sarebbe iniziata una vita a tre. Nulla di tipo orgiastico. Mamma, papà e bebè, no, neanche questo. Ma che la mia convivenza non fosse più solo con la strega ma avrei avuto a che fare anche con Cersei Lannister, Daenerys Targaryen e Sansa Stark, proprio il meglio del meglio del trono di spade.

Questa è stata la mia gioiosa reazione.

jaime lannister, fun, trono di spade

Ma che sta succedendo…

Proprio come Jaime Lannister, la povera vittima sacrificale della Regina dei Cambi Umore, sua sorella Cersei.

Non potendo contattare nessuno di HBO, Martin o chiunque altro del cast del trono di spade, chiesi consigli al buon cugino Giancula Gianluca, perché sulla famiglia puoi sempre contare.

Con Elodie mi è capitato una volta. Andavo di fretta, ero a casa ed in ritardo clamoroso in ufficio. Lei stava versando del caffè. Ronny credimi, era caduta solo una goccia a terra. Una goccetta piccola. Piange. Inizia a urlare piangendo di essere una stupida, che non sa fare nulla. Poi si dà della fallita e stupida. Inizia a prendersi a schiaffi da sola e corre di sopra. Così chiamo in ufficio. Ovviamente non potevo dire che non andavo perché mia moglie si era completamente rincoglionita aveva perso il senno. Dissi solo che avevo la febbre. Ci vollero tre giorni per calmarla.

Mi resi conto che spesso, le donne, devono affrontare non solo questa situazione in gravidanza ma a volte anche la mancanza di tatto dei rispettivi mariti.

Mi convinsi a cercare i lati positivi, neanche una nausea o cose più gravi, quindi, alla fin dei conti, il cambio umore, 9 mesi di sbalzi di umore e di ti prego scusami e vaffanculo muori fai attenzione mi stai facendo arrabbiare, potevano essere cose piacevolmente sopportabili.

gif, trono di spade, cambio umore, drogon

Torna a casa amore. Ti aspetto.

Certo, come no.

 

 

Cucinare sano per la Strega

Giunge la lieta novella della dolce attesa. La coppia si abbraccia felice. Arriva uno dei momenti top della vita matrimoniale. Si fa il primo passo dal ginecologo, la prima ecografia, i primi 120 euro e lcorncatin piccolo bastardo paghi col sorriso, le prime raccomandazioni. Dieta equilibrata e cucinare sano, questi i due cardini. E le donne, in fase di gravidanza, sono molto affidabili. Sì, certo… Read Full Article

Complimenti signora. Una splendida gravidanza. Ha un bel pancione. Vi consiglio di non andare in ospedale al momento del parto. Per farlo uscire come si deve vi conviene andare in caserma dai Vigili del fuoco.

Il ginecologo tranquillizza la Strega in gravidanza.

Estate, gravidanza, trono di spade

L’estate 2017 e le sue splendide ferie non pagate (un giorno troverò il coraggio per dar libero sfogo alle fantastiche istituzioni italiane in ambito lavorativo delle corna che hanno) dovevano coincidere con tre settimane e mezzo di pura baldoria, visto che a fine luglio, tu, mio splendido amore, dicevi

Ad Agosto andrò a Cassano in villa dai miei. Fa troppo caldo, li sto più fresca, mi mancherai tanto.

Ma anche no. Read Full Article