umorismo

Tramite social, forum, siti e altro ancora, inizia l’attesa per una delle serie tv più amate, il Trono di Spade. Come sempre, il sottoscritto, in una discussione, interviene con i suoi soliti modi concisi e delicati, offrendo riflessioni su quello che potrebbe essere il gran finale del trono di spade… Read Full Article

Cartoni animati moderni

Quando nasce un bimbo è un evento che va festeggiato e questo implica palloncini. Piccoli, medi ma soprattutto grandi ed originali. Spesso legati a tema cartoni animati e fumetti: Topolino, Paperino, Minnie, etc. Tutto quel che voglion le mamme. Dipendesse dai papà ci sarebbero nelle sale degenza palloncini di: Jenna Jameson, Ken il Guerriero, Moana Pozzi, Sasha Grey, etc.

photoshop, mainagioia, mickey mouse, cartoni animati, arj, palloncini, Jenna Jameson

Come far infuriare una moglie tra tre, due…

Potreste anche trovare il negozio disposto a farveli, ma se ci state pensando davvero, vi informo che le neo mamme applicano all’umorismo e alla goliardia maschile il principio della tolleranza zero.

I palloncini, specie quelli a grandezza naturale, sono bellissimi da vedere, ma non sono ornamenti della sala parto, ve li dovrete portare via.

Portare via palloncini, il tutorial

Un tutorial molto semplice, comprare un ago. Forarlo. Guardare la mamma e fare spallucce dicendo “Ho incontrato un bimbo nell’ascensore, si è messo a giocare e l’ha forato”. Non forate il palloncino in presenza della neo mamma, a meno che non vogliate vedere con i vostri occhi come sia fatta l’apocalisse.

Come andrà a finire

Non farete nulla di quanto scritto prima, non l’ho fatto neanche io. Per questi motivi

  • Cosa? ho speso dieci euro e devo forarlo? No sto palloncino del cazzo deve durare sino ai diciotto anni di questo bastardo adorabile ed amato erede.
  • La neo mamma userà questa frase: “No amore, è un ricordo del bimbo. Forarlo è come uccidere il bimbo, dobbiamo conservarlo”

Così accadrà che per un motivo o per un altro, vi ritroverete con questi palloni volanti giganti, in mano, con due buste e una cena dal peso totale di tre fardelli di acqua, quella da due litri a bottiglia, non avrete una macchina, dovrete farvi un paio di chilometri a piedi, tirerà fuori un vento fortissimo, magari anche gelido. Non riuscirete a pronunciare mainagioia che il giocoso Mickey Mouse si trasformerà in Topolino il molestatore, ve lo ritroverete da dietro, con uno strano sorriso, il suo pantalone rosso inizierà a gonfiarsi e lui sorriderà bramoso sempre più. L’altro palloncino, quello della cicogna, si infilerà tra le vostre gambe. E non scrivo altro.

arj, culla, mainagioia, palloncini, mickey mouse, cicogna, tolleranza zero

La tana di Mickey il molestatore.

In tutto questo, le persone che incontrerete per strada non vi daranno una mano manco per il cazzo. Alcuni sorrideranno divertiti, la maggior parte vi guarderà con aria schifata.

  • Muse e tritoni: Arj e, indirettamente, zia Toto con i suoi palloncini.
  • Link: L’immagine del challange di Jenna credo, come dire, se voglio continuare a vivere forse è meglio se non linko nulla, la Strega in certe cose non ama l’umorismo.

 

Il concetto di regalo secondo la Strega

A volte, oltre che ricevere regali originali, farebbe anche piacere riceverne normali. Specie quando il concetto di originale assume una piega in stile horror. Così, per il ciclo vile umorismo e dialoghi divertenti, riporto una bellissima conversazione tra te, amore mio, Strega sempre venerata, ed io Duca, misero mortale oscurato dalla tua presenza, tenuta durante una mia festa di compleanno.

Sei contento amore mio? Nessun’altra donna al mondo fa i regali che faccio io per il tuo compleanno.

Vero amore mio. Sono fortunatissimo.

L’anno scorso per il tuo compleanno ti ho regalato il matrimonio. Quest’anno invece avrai un figlio. Non sei contento amore mio?

Gioisco.

Per l’anno prossimo cosa vuoi? Ti organizzo qualcos’altro di incredibilmente unico?

No amore, mi bastano due videogiochi. Anzi, anche uno solo, di terza mano.

Paura, tanta paura, quando torniamo a casa e scopriamo che la linea internet non dà segni di vita. La bionda prova una improbabile respirazione bocca a bocca, ma nulla, il cavo ethernet non si rizza. Ha inizio un nuovo episodio all’insegna dell’umorismo (???) di vita da bionda, in un dialogo da la vita secondo beer. Read Full Article

Dobbiamo stare sempre insieme. Sempre, sempre, sempre. Non considerarmi solo tua moglie. Considerami come fossi un mutuo. Il tuo splendido coppone.

La Strega

Il Duca, la Strega, Massi e Santa Pazienza devono andare al corso pre parto. Sembra una barzelletta. Pieno umorismo. Non lo sarà. Mamma e papà salgono in macchina.

Presto chiudete sportelli e finestrini, si muore, è saltata la fogna sotto casa.

Ah, è colpa della fogna? Pensavo fossi stato tu, Ronny, appena salito in macchina a spararne una.

No, Giorgia. Se avessi fatto una puzza così abominevole mi sarei applaudito per trenta minuti e poi avrei fatto domanda per partecipare a Italia’s got talent.

Penultimo giorno di ferie non pagate. Il lavoro è vicino e la mia azienda, la RPG Mordor, pronta a riaprire battenti. Solo due giorni di vacanza. Trascorrerla divertendomi? Ma anche no, perché tu, amore mio, hai deciso di occupare tutto il pomeriggio obbligandomi a venire a un corso pre parto. Mainagioia. Ma Vaff io, grazie a te, sono l’uomo più fortunato del mondo.