videogiochi

Ti ricordi quando eri single? Che bella vita facevi, la tua sola preoccupazione era di ricordare di mettere in pausa the witcher quando dovevi scendere il cane, per non farti ammazzare dai drowner.

La Strega in merito alla grande vita sociale del Duca.

La famiglia alle Lamie

Muse e tritoni: solitudine, Arj, Strega

Due giorni senza voi. Così, a sorpresa. Sono a lavoro, ci sentiamo, sei stata dal pediatra, Arj sta bene e da Bari sei a Valenzano, per pranzare con i tuoi. Un pranzo che dura all’incirca 52 ore. Ma sta bene, sei con la tua famiglia e non con l’idraulico.

Quando termina la giornata lavorativa realizzo che tornerò a casa e sarò solo. Solo con il cane. Ovviamente la tua prima raccomandazione è quella di non far salire il cane a letto.

fotografia, anneke, famiglia, duca, pointer, cane a letto

Manco la bocca devi aprire

Guarda l’espressione di puro terrore di Anneke e come obbedisce agli ordini impartiti con pugno di ferro dal padrone.

Ma ho una sera libera, organizzo un puttantour una serata movimentate con gentil donzelle, ma questo implica che dovrei socializzare e quindi mi dico

Ma anche no.

Mi butto nel cibo e finisco a riscaldarmi due hamburger del 1518 e la scritta made in Mesopotamia. Ma tocco il fondo terminando davanti al pc, a guardar tue foto e quelle del bimbo ed avvertire quella fastidiosa sensazione di umanità. Mi mancate.

Il giorno dopo mi dico sarà il mio giorno. Dopo le classiche 10-12 ore in ufficio mi faccio accompagnare dal Barone, perché io ho solo amici sangue blu, a fare un salto direzione Euronics e prendere quella tv che abbiamo visto in offerta. Ovviamente sono terminate. Le corna loro! Ma che sfortuna! Al centro commerciale inizio a sentire le voci dei folleti irlandesi che mi guidano verso il reparto fotografia ma poi sento anche le candide voci dei tuoi alleati, diavoli della fossa, che mi intimano di stare fermo.

Come finisce questa sera di due uomini tornati single per una notte? Il Barone viene richiamato al feudo per andare al corso del battesimo della piccola Mati, io, invece, di fronte al frigorifero a recitare incantesimi nella speranza che possa uscir qualcosa di commestibile da mangiare.

Alla fine opto per la pizza.

Dopo la pizza di nuovo a vegetare sul pc, toccando l’apice della depressione fotografica in questa foto. Perché si possono fotografare modelle, belle donne, tette e culi l’essenza spirituale di una persona oppure delle scarpe da ginnastica, magari logore.

La famiglia, che meraviglia

In tutta questa situazione e come gran finale, la mia famiglia. Tutti che chiedono di te e del bimbo con preoccupazione, manco fossi partita in missione per andare in guerra contro i Qunari.

qunari, dragon age, videogiochi, anaam esaam qun

Victory is in Qun

Ecco come vedo il piccolo Arj da grande. Ma tralasciamo i videogiochi e Dragon Age. E parliamo della bellissima frase di mia mamma mentre parlava al bar con una amica. Delle parole veramente stupende, che mi hanno commosso.

Mio figlio è splendido, gli voglio bene ma non conta più un cazzo nulla. Ora c’è solo il mio nipotino, il mio vero amore.

Grazie he? Scusa se esisto. Ma come darle torto, anche a me manca quel piccolo esagitato.

Ataash Qunari!

Eventi del 16-17-18/11/2017

Gli auguri degli amici

Diventare genitori è anche un modo per entrare in un Multiverso pieno di differenze. Queste iniziano subito con gli auguri. Gli auguri verso la Strega possono essere schematizzati così: auguri tesoro, brava amore, che bimbo bellissimo come te. Seguono tutti questo filone.

Gli auguri al papà, o supremo leader, seguono tutt’altra corrente letteraria.

dialogo, guida suprema, duca, umorismo

Non chiamarmi papà ma Guida Suprema

In ordine sparso e senza principi di cronologia o importanza seguono gli auguri degli amici al Duca

  • La bionda – Complimenti, è Marianna senza tette, da te non ha preso un cazzo nulla
  • Saverio – Nessuna parola. Solo l’immagine di una tutina che recitava “A me piaciono solo le tette grosse, come mio papà”
  • Gigi Mitraglia – Queste donne che si vantano di soffrire per nove mesi e a noi invece bastano 30 secondi intensi per fare tutto. Che impedite e lagnose. Auguri papà.
  • Janette Demei Chigghioni – Quanto sono felice maledetto bastardo amico mio. Per anni hai insegnato cose diseducative a mio figlio. Ora posso vendicarmi, vaffanculo auguri di cuore.
  • La cinese – Ti prego dimmi che chiamerai tuo figlio Till. Scommetto che come favole gli farai ascoltare tutti i cd dei Rammstein.
  • Il Capurso – Una telefonata veloce, perché casa mia per la wind è il triangolo delle Bermude. Marisa vi abbraccia di cuore, io solo Marianna, tu mi fai un po’ schifo.
  • Fiore – Penso a tuo figlio e non so perché lo vedo come un futuro Remì. Alla fine ritrova la mamma, ma cazzo è un cartone animato pieno di morti manco fosse il trono di spade. La depressione cosmica. Sto smontando questo cazzo di armadio ma da dove cazzo mi è venuto di farlo. Cosa volevo dirti? Ah sì, auguri ricchione amico mio.
  • Giancula Gianluca – Ronny! Tanti auguri! Avere un figlio è bellissimo, ora sono qui con il mio Teo, amore di papà, che cazzo stai facendo? Lascia la mia birra piccolo bastardo cuore di papà. Ronny ti richiamo tra due minuti, ora lo sopprimo!
  • Corrado – Che bellissima notizia. Fai tanti cari auguri a tua moglie e all’idraulico!
  • Deg – Sei diventato padre davvero? Sto vomitando.
  • Alex Lavermicocca – Visto che sei nerd, te lo dico a modo. Ora sei proprio in stato game over.
  • GStano – Prima che ritornino a casa andiamo a Sushi!
  • AStano – Fammi sapere, è bellissimo come la mamma o è un cesso clamoroso come il padre?
  • Manuelito – Che bello, un’altra testa di cazzo un altro genio su questo pianeta.
  • Pignataro – Tu padre. Dio ci ha abbandonati per sempre.
  • Massi – Visto che sei diventato padre e non potrai stare alla PS4, mi dai i tuoi videogiochi?
  • Giorgia Santa Pazienza – Ronny, a Massi tocca diventar papà tra tre mesi. Se gli regali i giochi della PS ti faccio un culo così mi potrei inalberare.